One Health: la salute del pianeta

Corso rivolto agli Insegnanti della Scuola Secondaria

  

One Health, “una sola salute”, suggerisce con forza che salute umana e salute degli ecosistemi sono legate indissolubilmente e richiedono approcci e sforzi globali per progettare e implementare programmi, politiche, norme e ricerche, con la cooperazione trasversale di competenze diverse.

Il concetto di One Health è stato sviluppato in risposta all’insorgere delle cosiddette zoonosi emergenti e all’espansione di areale di zoonosi già note.  Le ricerche più recenti, così come i report di organizzazioni internazionali quali le NU, l’OMS, l’IPBES, ecc, evidenziano con chiarezza come l’attuale diffusione delle epidemie sia conseguenza dell’impatto antropico sugli ecosistemi (in particolare della distruzione degli habitat e del cambiamento climatico).

Nel 2022 il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP), in condivisione con WHO, FAO e WOHA, ha lanciato il “Global One Health Joint Plan of Action” (2022-26), un insieme di azioni volte ad equilibrare e ottimizzare in modo sostenibile la salute di persone, animali ed ecosistemi.  Nel piano si riconosce che la salute dell’uomo, degli animali domestici e selvatici, delle piante e dell’ambiente in generale (ecosistemi inclusi) sono strettamente collegati e interdipendenti. Le azioni sono volte a spingere settori, discipline e comunità, a vari livelli della società, a lavorare insieme per promuovere il benessere e affrontare le minacce per la salute e gli ecosistemi, affrontando al tempo stesso la necessità comune di acqua pulita, energia e aria, alimenti sicuri e nutrienti, contrastando il cambiamento climatico e contribuendo allo sviluppo sostenibile.

Attuale nei contenuti, la conoscenza dell’approccio One Health può essere cruciale nella formazione scientifica, sociale ed economica dei giovani, anche tramite la mediazione dei loro insegnanti.

L’Accademia Olimpica è sensibile alle tematiche ambientali e sanitarie e, in collaborazione con l’Accademia Nazionale dei Lincei (Fondazione Lincei per la Scuola), L’Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti (IVSLA) e l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto (USRV), può mettere a disposizione competenze e conoscenze per organizzare un “corso” , basato su un ciclo di incontri, per docenti della Scuola Secondaria (in questo caso uniti ad un laboratorio che stimoli l’elaborazione di unità didattiche sui temi presentati)*.

 

Il corso

Il corso si propone di offrire ai docenti un’occasione di approfondimento e aggiornamento, e spunti per tradurre gli aspetti disciplinari in proposte didattiche.

I temi degli incontri riguarderanno le rapide modificazioni ambientali a cui stiamo assistendo e le loro ripercussioni sugli ecosistemi, sulla biodiversità, sul rischio di insorgenza di epidemie/pandemie, e sulla salute degli esseri viventi in un pianeta che cambia.

La Prof.ssa Rasotto ha già coordinato con successo la realizzazione di un corso “Uomo e Natura in un mondo che cambia” per l’IVSLA, nell’ambito delle attività della Fondazione Lincei per la Scuola. Il programma e le registrazioni delle lezioni svolte (ma non dei laboratori che rimangono a disposizione dei soli partecipanti) sono disponibili nelle pagine dell’IVSLA dedicate alle attività per la scuola: https://www.istitutoveneto.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1892

La Prof. Rasotto ha di recente avviato l’organizzazione di un corso unico (AO – IVSLA) in collegamento con La Fondazione Lincei per la Scuola da attivare nel secondo semestre del 2024 e nel primo del 2025.

Il corso sarà aperto a docenti che potranno frequentare le lezioni/conferenze programmate sia in presenza (previsto un numero massimo di 40-50 docenti) o in collegamento online (fino ad un massimo di 80-100 docenti).

Il corso prevede una frequenza iniziale obbligatoria (solo online) di cinque conferenze a carattere nazionale organizzate dalla Fondazione Lincei per la Scuola e programmate nell’intervallo Ottobre-Dicembre 2024. Ciascun docente sceglierà le 5 conferenze a cui partecipare tra le 15-20 offerte dalla Fondazione.

Seguiranno, a partire da Febbraio 2025, quattro conferenze “locali”, due presso l’IVSLA a Venezia e due presso L’Accademia Olimpica a Vicenza, da seguire in presenza o in collegamento online. Ogni conferenza prevede anche attività di formazione /laboratorio (l’impegno complessivo di ognuno dei quattro incontri sarà di tre ore). Ad ogni laboratorio collaborerà un tutor. Le spese legate alla collaborazione dei tutor e agli interventi dei Relatori saranno a carico della Fondazione Lincei per la Scuola.

Seguirà un ultimo incontro dedicato alla presentazione di una unità didattica elaborata dai docenti partecipanti che si tradurrà in un report da sottoporre alla Fondazione Lincei per la Scuola al fine di ottenerne l’approvazione e il rilascio dei crediti previsti per i docenti partecipanti.

La Prof. Rasotto completerà la progettazione del corso, definendone i dettagli organizzativi, le tematiche affrontate e i relatori entro il mese di Luglio 2024.

Nel periodo Luglio- Settembre 2024 verrà pubblicizzata l’iniziativa e verranno accolte le iscrizioni dei docenti interessati.

 

*Elementi di approfondimento sul Protocollo MIUR-Lincei e sulla strategia complessiva per la formazione dei Docenti sono reperibili all’indirizzo http://www.linceiscuola.it/

La Fondazione “I Lincei per la Scuola” è nata nel 2015 per coordinare i progetti di formazione a livello nazionale e a livello territoriale con i “Poli regionali”. L’ Accademia dei Lincei garantisce la qualità dei progetti e cura, tramite la Fondazione “I Lincei per la Scuola”, la loro organizzazione generale e i contatti con il MIUR e con le istituzioni culturali e internazionali.

 

Il Polo Veneto

Sede: Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti (IVSLA)

Indirizzo: Campo S. Stefano 2945, 30124 Venezia

Contatti: Dott.ssa Lucia Macaluso

Telefono: (+39) 041240711

E-mail: scuole@istitutoveneto.it

Web: www.istitutoveneto.it

Coordinatore del Polo e Resp. italiano: Prof. Daniele Baglioni

Resp. matematica: Prof. Marco Li Calzi

Resp. scienze: Prof.ssa Maria Berica Rasotto

 

One Health collaborazionenuovo logo AO